NEBBIA E GIRASOLI (ebook)

 

Codice prodotto -
Categoria Insula
Marca INSULA

Segnala ad un amico

Altre domande ?

Diego Are, nato a Santu Lussurgiu (OR) il 2 di gennaio del 1914, si è laureato in filosofia presso l’Universita di Cagliari nel 1938.
Dopo aver insegnato filosofia e storia nel liceo classsico “G. M. Dettori” di Tempio, dovette interrompere nel gennaio del 1941 perché richiamato alle armi.
Inviato nel Kòssovo, poi rimandato in Italia, ripartì in qualità di sottotenente prima in Grecia e poi nell’isola di Rodi dove, in seguito all’armistizio dell’8 settembre 1943, rimase prigioniero dei tedeschi con tutti i reparti dislocati nell’isola.
Mentre attendeva di essere inviato nei campi di concentramento tedeschi, sostenne, nei reparti del proprio Reggimento e in una riunione di ufficiali, che non si dovevano accettare gli appelli di collaborazione coi Tedeschi, in qualunque forma.
Gli fu possibile, nel frattempo, di sottrarre la bandiera del suo Reggimento (il 331° Fanteria) al comando già occupato dai Tedeschi, portandola in salvamento nel convento francescano di Santa Maria della Vittoria in Rodi che, poi, alla fine della guerra, fu consegnata alle autorità italiane.
Questa propaganda fatta nei reparti, quando tutta l’isola di Rodi era in mano dei tedeschi, suscitò subito il provvedimento della partenza per i campi di concentramento, dapprima in Polonia (Deblin-Irena), poi in Germania ai confini con l’Olanda (Wesuwe, Oberlungen, Sandbostel, Wietzendorf). Dovunque, ma specialmente nei primi due, fu molto vasta la sua attività di organizzazione culturale, per sostenere la resistenza nei campi nazisti contro le continue pressioni per le adesioni.
Nel frattempo, dal 1943, fu con altri duecento ufficiali inviato al lavoro coatto in un campo di aviazione in costruzione a Dedelsdorf, che fu il peggiore periodo della sua prigionia, costretto per tutto il giorno sotto la sferza della Todt a trasportare tronchi e caricare carrelli. Periodo che ebbe termine con l’arrivo degli Alleati, mentre nella città di Celle, nell’Hannover, alla fine di aprile, si tentava di sfuggire alla vigilanza dei Tedeschi.
Nel settembre del 1945 potè finalmente tornare nel suo paese, in Sardegna. Riprendendo subito dopo la sua attività professionale come professore dì filosofia e storia prevalentemente nei licei classici di Roma (Giulio Cesare e Orazio).

Alla sua esperienza nei campi nazisti dal 1943 al 1945 è dedicato questo libro, Nebbia e girasoli, pubblicato per la prima volta nel 1973.


Andato in pensione nel 1975, ha tenuto per vent’anni la presidenza di un Liceo Linguistico e di un Istituto Tecnico per il Turismo da lui stesso fondati nell’ambito dell’Ente Morale Ipab “Carta-Meloni” di Santu Lussurgiu.
È morto il 24 di luglio del 2000.

Gli utenti registrati possono condividere la loro esperienza avuta con questo prodotto/servizio. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.